Progetto

cos'è

Controcorrente

Non è una produzione cinematografica convenzionale, ma un progetto dal basso. Un’idea che è diventata realtà grazie alla rete e al supporto di una comunità intera.

Questo documentario è stato possibile grazie a centinaia di persone che hanno creduto nel progetto e nel valore sociale che ha e lo hanno finanziato attraverso il crowdfunding.

Controcorrente è un reportage, un documentario on the road, un’inchiesta, una missione ambientalista. Ma soprattutto un viaggio. E’ il viaggio di una giornalista e di un economista ambientale di 25 e 26 anni che hanno deciso di attraversare, conoscere, capire il proprio Paese. I registi Claudia Carotenuto e Daniele Giustozzi (accompagnati dal giovane videomaker Andrea Bagnasco, di 23 anni) attraversano la penisola per raccontare lo stato dell’ambiente e le criticità dell’acqua in Italia, nella sua assenza, presenza e sovrabbondanza.

Per mantenere fede allo spirito del viaggio partono con una tenda e due zaini, viaggiando su una macchina ibrida, con pochissimi comfort e moltissima curiosità, riducendo il più possibile le emissioni e l’impatto ambientale del documentario. Navigano per giorni con i ricercatori, escono in mare con i pescatori, percorrono 6000 km alla scoperta della Penisola. Intervistano i massimi esperti delle tematiche ambientali, entrano nelle più prestigiose università italiane per parlare con i docenti.

Controcorrente parla di ambiente, ma anche di donne e uomini che ne sono parte integrante e attiva. Per questo incontrano gli attivisti che da decenni si dedicano alla salvaguardia del patrimonio naturale. E lo fanno con il fiato che si spezza e il cuore che esplode davanti alla bellezza che questo Paese regala.

da agosto 2018

Viaggio

Claudia e Daniele partono da Torino, sorvolando i ghiacciai su un aereo cessna e poi seguono il Po. Arrivano a Venezia e poi inizia la discesa verso il sud. Lungo la costa adriatica si fermano. Escono con i pescatori all’alba e poi scoprono le riserve naturali. Arrivano in Puglia, a Lecce, e continuano. Da Matera, a Catanzaro, imbarcandosi poi per Corleone. E ancora, dalla Sicilia alla Sardegna. E da Olbia fino a Genova passando per la Toscana, per il santuario dei cetacei, per poi tornare a Torino.

Fusione dei ghiacciai, innalzamento del livello del mare, contaminazione dei fiumi, illeciti, acqua in bottiglia, dighe, siccità e alluvioni, smottamenti… Controcorrente parla di questo… e di molto altro.

Supporters

Sono moltissime le realtà che hanno sposato la causa di Controcorrente partecipando attivamente alla sua realizzazione.

I più grandi istituti di ricerca italiani come il CMCC (Centro Euro-Mediterraneo dei Cambiamenti Climatici), il CIMA Foundation (Centro Internazionale di Monitoraggio Ambientale), l’Università degli Studi di Torino, l’ISDE (Associazione Medici per l’Ambiente), l’ARPA Piemonte, l’ADBPO (l’Autorità di Bacino del Fiume Po).
Anche Greenpeace e Legambiente, storiche colonne portanti dell’ambientalismo in Italia, sono tra i protagonisti e i sostenitori del documentario.
Inoltre Hyundai Italia ha concesso in comodato d’uso gratuito per tutta la durata delle riprese l’auto ibrida con cui è stato fatto il viaggio.

Obiettivo

Controcorrente nasce per essere un documentario che ha come fine la divulgazione scientifica e l’educazione ambientale. Nasce per essere un prodotto fruibile a tutti che si rivolge soprattutto alle nuove generazioni che hanno in mano il futuro del pianeta, non solo dal punto di vista ambientale. Nel corso del suo primo anno di vita è diventato questo e molto altro. Centinaia di persone oggi si riconoscono nei valori che difende e sostengono questo progetto che nel frattempo è entrato nelle scuole, ha partecipato a conferenze e continua a far parlare di sé.